I più importanti libri sul C++…

Scott Meyers è un’autorità mondiale nell’ambito del linguaggio C++, effettua servizi di consulenza e corsi in tutto il mondo. Ha scritto diversi testi che sono poi diventati dei veri e propri best-seller come la serie Effective C++(Effective C++, More Effective C++, e Effective STL), ha progettato l’innovativo Effective C++, è Consulting Editor per la casa editrice Addison Wesley e lavora alla Advisory Board per The C++ Source (http://www.artima.com/cppsource/).

In questo articolo Scott Meyers seleziona cinque libri che ritiene tra i più importanti nella storia del C++ motivando le sue scelte:

“Ho scritto Effective C++ nel 1991. Alcuni anni prima imparai il C++. Mentre scrivevo questo articolo, ho creduto che il 1986 fosse l’anno in cui imparai il linguaggio così feci del 2006 il suo ventesimo anniversario ed il quindicesimo anniversario dalla scrittura del libro. Ahimè, la memoria – almeno la mia – non sembra aiutarmi molto perchè la storia registra il 1988 come anno in cui imparai il C++. Quindi il 2006 segna solo il mio diciottesimo anno con il C++. Sebbene non sia possibile arrotondare a venti, è stato comunque un bel pò di tempo dedicato a questo linguaggio, inoltre, in questi anni ho riflettuto, per diverse ragioni, non solo al futuro del C++ ma anche al suo passato. C’è molto da dire sul suo futuro, specialmente con la prossima versione del linguaggio (C++0x) che si avvicina al passaggio finale della specifica, la TR1 è già stata pubblicata e la TR2 è alle porte. Adesso voglio pensare un pò a quello che è già stato fatto e voglio farlo con audacia: voglio nominare le mie scelte riguado ai più importanti contributi mai portati al C++ in varie categorie.”

L’intero articolo è pubblicato a questo indirizzo.

domande difficili, i grandi programmatori rispondono

L’autore del Sztywny Blog ha realizzato la sua prima, ed interessantissima intervista ad alcuni dei più grandi e stimati programmatori del nostro tempo (avrei voluto leggere anche le risposte di Richard Stallman). E’ sorprendente la convergenza di opinioni su alcuni argomenti e la divergenza su altri, quali le applicazioni della matematica e le attitudini di un buon programmatore. Le domande poste sono le seguenti:

  • Come hai imparato a programmare? Le scuole sono importanti?
  • Qual’è la caratteristica più importante che un programmatore dovrebbe avere?
  • La matematica e la fisica sono importanti per un programmatore?
  • Quale sarà la prossima grande cosa/avventura/sfida nella programmazione dei computer?
  • Se tu avessi tre mesi per imparare una relativamente nuova tecnologia, quale sceglieresti?
  • Quali sono i tuoi strumenti preferiti e perchè?
  • Qual’è il tuo libro preferito di programmazione?
  • Qual’è il tuo libro preferito(non di programmazione)?
  • Quale musica ascolti?

Consiglio un’attenta lettura e meditazione sulle risposte date da questi famosi personaggi:

  • Linus Torvalds – L’autore del Kernel di Linux.
  • Dave Thomas – L’autore di „Pragmatic Programmer”, „Programming Ruby” ed altri grandi libri sulla programmazione.
  • David Heinemeier Hansson – L’autore di Rails Framework – il nuovo framework di sviluppo web.
  • Steve Yegge – Probabilmente è il meno noto tra questi ragazzi, ma comunque ha dato risposte molto interessanti, mantiene un popolare weblog sulla programmazione. E’ anche l’autore del gioco „Wyvern”.
  • Peter Norvig – Research Director in Google, un ottimo Lisper, autore di famosi libri sull’AI.
  • Guido Van Rossum – Il creatore del linguaggio Python.
  • Bjarne Stroustrup – Il creatore del C++.
  • James Gosling – Il creatore del linguaggio Java.
  • Tim Bray – Uno degli autori delle specifiche dell’ XML ed Atom.

L’intera intervista è disponibile a questo indirizzo.

The C Book, 2 ed.

La versione ‘online’ e ‘freely available’ del libro “The C Book” (2 ed. di Mike Banahan, Declan Brady and Mark Doran
ed originariamente pubblicato nel 1991 dalla casa editrice Addison Wesley) è raggiungibile a questo indirizzo. Spero, anch’io, che possa essere utile, oppure, almeno interessante per qualcuno.